Skip to content

Luc Montagnier décès

Luc Montagnier décès; Il professor Luc Montagnier è deceduto all’ospedale americano di Neuilly-sur-Seine l’8 febbraio 2022, all’età di 89 anni (18 agosto 1932 – 8 febbraio 2022). Ci informa il dottor Gérard Guillaume, uno dei suoi più fedeli collaboratori, che è deceduto pacificamente, accompagnato dai suoi figli.

Era un biologo e virologo, ma era anche e soprattutto un ragazzo di straordinario genio che aveva una passione per la scienza e ad essa dedicò la sua vita. Inoltre, ha collaborato con alcune delle istituzioni scientifiche più prestigiose del mondo durante la sua carriera, incluso il premio Nobel per la medicina nel 2008 per la sua scoperta del virus HIV.

Luc Montagnier décès
Luc Montagnier décès

Direttore emerito della ricerca al CNRS, professore all’Institut Pasteur, direttore del Center for Molecular and Cellular Biology al Queens College della City University di New York e direttore di un istituto di ricerca alla Jiao-tong University di Shanghai sono solo un pochi degli incarichi che ha ricoperto. Ha contribuito per molti anni all’Accademia Nazionale delle Scienze e all’Accademia Nazionale di Medicina attraverso i suoi studi. Grazie ai suoi sforzi ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti.

Des médecins se lèvent contre les vaccins Covid-19

Luc Montagnier ha combattuto per la ricerca aperta per tutta la vita, nonostante la sua età avanzata e nonostante le aspre critiche ricevute nelle ultime fasi della sua vita, in particolare dai membri della comunità scientifica. Abbiamo avuto la fortuna di averlo come ospite al FranceSoir in più occasioni e vorremmo riconoscerlo per tutti i riconoscimenti che merita.

Sulla scia della morte del Pr Luc Montagnier, morto all’età di 89 anni l’8 febbraio 2022, nell’ospedale americano di Neuilly-sur-Seine, FranceSoir gli rende omaggio. Parte in pace, accompagnato dai suoi figli. Nel 2008 è stato insignito del Premio Nobel per la medicina per il suo lavoro sul virus Sida, che ha scoperto in Africa. I miei pensieri e le mie preghiere sono con la famiglia e gli amici del Pr Montagnier. Il popolo francese ha perso un grande gentiluomo che aveva vissuto e respirato la scienza fino al suo ultimo respiro.

Luc Montagnier décès
Luc Montagnier décès

Avendo avuto il privilegio di intervistare il Pr Montagnier, sarebbe stato un modello di rispetto. A 89 anni al momento della sua morte, aveva ancora visioni che lasciavano a tutti noi la responsabilità di continuare il percorso che aveva tracciato per noi per restaurare il genio francese.

All’inizio di quest’anno, il Pr Montagnier ha abbandonato il suo ruolo di portavoce del dipartimento di sanità pubblica per discutere dei sette o più casi di malattia di Creutzfeldt-Jakob legati al vaccino Covid che erano stati osservati durante l’ultima pandemia.

Questi articoli vengono condivisi su piattaforme di social media come WhatsApp, Facebook, Twitter e Snapchat sia in inglese che in francese. Questi articoli, spesso presentati sotto forma di screenshot, sottolineano un estratto da una “scioccante intervista” condotta dal professor Luc Montagnier, che è stata tradotta e pubblicata dalla “Rair Foundation USA”. Alcuni credono che le persone che ricevono il vaccino “moriranno entro due anni”.

“Non c’è speranza né rimedio praticabile per le persone che sono già state vaccinate”, afferma il professor Luc Montagnier in questi grafici, che includono tre suoi commenti. “Moriranno tutti a causa dell’aumento dipendente dagli anticorpi”, dobbiamo prepararci a cremare i cadaveri” e “i libri di storia indicheranno che la vaccinazione ha causato le variazioni”, dobbiamo essere pronti a cremare i morti.

A dire il vero, solo una di queste tre parole, che trattava di una mutazione di un virus e di immunizzazione, è stata pronunciata dal precedente premio Nobel per la medicina. Queste osservazioni sono discusse in modo approfondito in 20 Minutes.

Lo screenshot in inglese ha un collegamento a un piano sul sito web canadese Life Site News. Quest’ultimo è considerato un “fornitore frequente di informazioni fuorvianti” dai media indipendenti di verifica dei fatti Snopes ed è stato bandito sia da YouTube che da Facebook per aver distribuito materiale impreciso su base coerente, secondo Snopes.

Le Professeur Luc Montagnier Prix Nobel est mort

Questo articolo, che è stato pubblicato il 19 maggio, è una copia di un testo scritto dalla Rair Foundation USA, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede negli Stati Uniti che cerca di “recuperare la Repubblica dalla rete di individui e organizzazioni che fanno la guerra sugli americani, sulla [loro] Costituzione e sui [loro] valori giudaico-cristiani”. La Rair Foundation USA afferma di “recuperare la Repubblica dalla rete di individui e organizzazioni che fanno guerra agli americani, alla [loro] Costituzione e

In ogni caso, gli articoli di Life Site News e della Fondazione Rair non includono due citazioni attribuite a Luc Montagnier: “Non c’è speranza né cura disponibile per coloro che sono già stati vaccinati” e “Moriranno tutti a causa degli anticorpi -potenziamento dipendente.” In un successivo aggiornamento del 27 maggio, il primo ha addirittura affermato che tali affermazioni erano state erroneamente attribuite al professore in questione.

Luc Montagnier décès
Luc Montagnier décès

L’account @france soir è stato oggi bersaglio di attacchi dopo l’anannuncio della morte del Pr Montagnier. Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti i nostri lettori e sostenitori. Per i nostri detrattori, spero che vedano l’importanza delle loro azioni e si astengano dal lanciare false informazioni senza prima verificarle.

La sua opposizione alla vaccinazione dell’intera popolazione contro il covid, la sua opposizione alla vaccinazione dei bambini, e la sua convinzione nella fuite di un virus scoperto in un laboratorio di Wuhan gli sono valsi l’ira dei medici accusati di conflitto di interessi e di diffamazione di “giornalisti”. I fatti e gli scienziati onesti che sono usciti per sostenerlo hanno fornito una giustificazione.

Ha combattuto coraggiosamente per la scienza fino alla fine, ed è disposto a pagare un prezzo alto per farlo. La sua morte, invece, è accolta dai media con un silenzio assordante. Noi, invece, abbiamo unito le forze con Alexandra Henrion-Caude per indire un periodo di lutto nazionale.

Scoperte simili sono state riportate nello stesso numero di Science da un team guidato da Robert Gallo degli Stati Uniti, e alla fine è stato dimostrato che il virus è stato scoperto, oltre a una prova che era la causa dell’AIDS. Gallo ha designato il virus come “virus linfotropico T umano di tipo III” (HTLV-III) a causa delle apparenti somiglianze tra esso e i virus HTLV-I e -II precedentemente noti nel suo laboratorio, che aveva precedentemente trovato. A causa della tempistica dei risultati, la questione se il gruppo di Montagnier o di Gallo sia stato il primo a isolare l’HIV è stato oggetto di un aspro dibattito per molti anni dopo il fatto.

Poiché il virus muta rapidamente, gli isolati di HIV mostrano spesso un grado significativo di diversità. Rispetto a questo, i primi due isolati del virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 (HIV-1), Lai/LAV (ex LAV, isolato presso l’Istituto Pasteur) e Lai/IIIB (ex HTLV-IIIB, isolato da una coltura in pool presso il National Cancer Institute) erano sorprendentemente simili nella sequenza, suggerendo che i due isolati erano in realtà gli stessi, o almeno provenivano dalla stessa fonte.