Skip to content

Mort yves coppens

Mort yves coppens; Molte cose eccitanti mi sono successe durante la mia vita, proprio come accade a tutti gli altri e, per estensione, a ogni scienziato itinerante. Yves Coppens ha adottato il tono del narratore nell’introduzione al suo libro più recente, A mammoth memory (Odile Jacob, 448 pagine, 24,90 euro), uscito a fine maggio. In questo libro racconta una vita trascorsa lavorando al servizio della scienza, definendosi un “compagno di fascino e di rigore”. Questo tono lo ha aiutato a ottenere il riconoscimento e l’affetto del grande pubblico.

Mort yves coppens
Mort yves coppens

È morto uno di coloro che hanno preservato la storia dell’umanità. Secondo la sua casa editrice, Yves Coppens è morto mercoledì dopo una lunga battaglia contro la malattia. Era uno scienziato. Paleontologo emerito ed ardente educatore, ha dedicato più di 60 anni della sua vita allo studio della storia dei nostri antenati e ha lavorato duramente per far conoscere il suo campo al grande pubblico. Nel 2018, quando aveva 83 anni, disse all’AFP che “la preistoria continua ad esistere in me, a perseguitarmi”. Questa citazione proviene dalla sua intervista all’agenzia di stampa. Esperto in Francia e nel mondo, prestò servizio in importanti istituzioni come il College de France e l’Accademia delle Scienze. È stato riconosciuto sia in Francia che a livello internazionale.

Da giovane entusiasta ad eminente ricercatore

Yves Coppens è nato a Vannes nel 1934 e suo padre era fisico e professore alla National School of Geology di Nancy. Ciò ha esposto Yves Coppens a un ambiente scientifico per tutta la sua infanzia. Si interessava di preistoria e archeologia in tenera età e, in particolare, era affascinato dai megaliti di Carnac, che si trovano vicino al luogo della sua casa d’infanzia.

Dopo aver conseguito la laurea in scienze naturali presso l’Università di Rennes, ha proseguito gli studi di dottorato alla Sorbona. La sua dissertazione riguardava i proboscidi, che sono una classe di mammiferi che hanno il tronco. Era investito nel suo lavoro ed era entusiasta del suo lavoro, e ha ricoperto posizioni di responsabilità scientifica abbastanza presto nella sua carriera.

A soli 22 anni, nel 1956, inizia a lavorare come ricercatore associato al CNRS. Due anni dopo, nel 1959, iniziò a lavorare come ricercatore presso il Museo Nazionale di Storia Naturale. Era l’anno 1960 quando si recò per la prima volta in Ciad, e fu lì che si imbatté in un particolare artefatto che in seguito sarebbe stato determinato come un pezzo del cranio di un ominide. Gli ominoidi sono primati che appartengono alla stessa famiglia delle grandi scimmie. Ha riflettuto sull’esperienza nel 2018 per l’AFP e ha detto che gli aveva permesso di “unirsi immediatamente ai grandi campionati”.

Fu il ritrovamento delle ossa di un Australopiteco in Etiopia nel 1974 a determinare un cambiamento nello studio delle origini umane, e allo scienziato è riconosciuto e accreditato di essere stato la forza trainante di questo movimento. Le fu dato il nome Lucy e le sue scoperte dimostrarono che il bipedismo esisteva almeno 3,2 milioni di anni fa e aveva sostanzialmente preceduto il processo di crescita del volume dell’endocranio. I tratti di Lucy la collocano nel mezzo tra i nostri antenati che si dedicano esclusivamente all’arrampicata e i nostri predecessori per lo più a due gambe in termini di stile di movimento. Il lavoro svolto da Yves Coppens in materia di paleontologia, svolto in stretta collaborazione con un gruppo di archeologi, gli è valso una reputazione in tutto il mondo.

La morte del paleontologo, che era anche professore al Collegio di Francia, è avvenuta il 22 giugno all’età di 87 anni, secondo l’annuncio fatto dal suo editore a nome della famiglia del defunto.

Il caos sorprendente che c’era nel suo posto di lavoro era dappertutto. In mezzo alle innumerevoli lettere e articoli scientifici che affermava di leggere meticolosamente e che riceveva ogni giorno, c’erano tre cose inaspettate.

Una peculiare statuetta dorata del topo più amato di Walt Disney, un teschio preistorico e il modello del suo yacht di Eric Tabarly, il Pen Duick. È stato un grande onore per me quando Mickey’s Diary mi ha definito uno scienziato del futuro. Quando gli ospiti di Yves Coppens gli hanno chiesto del significato di questa statua, ha scherzato dicendo che era il suo più grande motivo di orgoglio. Il 22 giugno, il suo editore Odile Jacob ha dato il triste annuncio di essere morto all’età di 87 anni.

Mort yves coppens
Mort yves coppens

Queste tre cose furono le più importanti per lui durante tutta la sua vita. La barca faceva riferimento alla sua nativa cultura bretone. Yves Coppens aveva trascorso la sua infanzia vicino a Conleau, una piccola penisola bretone che fu unita alla zona del Morbihan negli anni ’30. Nasce a Vannes il 9 agosto 1934 da padre insegnante al liceo Jules-Simon e madre pianista. Una parte della sua formazione era stata completata a Rennes. E nonostante si fosse trasferito a Parigi a metà degli anni ’50, mantenne un forte legame con questa terra di marinai, a cui fece molti visite.

Storie di ossa

La scoperta dello scheletro di Lucy nel novembre del 1974 è stata sicuramente indicata dal teschio. A questo scheletro di donna preistorica (studi recenti mettono in dubbio il sesso di questo individuo), che ha quasi 3,2 milioni di anni, è stato dato il nome scientifico ufficiale di Autralopithecus afarensis, in riferimento a questa regione dell’Afar, che si trova nel nord-est dell’Etiopia, dove è stato scoperto. Questo nome è stato dato in onore della regione in cui è stato trovato. Tuttavia, i membri della missione franco-americana, da lui co-diretto con il geologo francese Maurice Taieb e il paleontologo americano Donald Johanson, lo avevano ribattezzato Lucy in riferimento a un successo dei Beatles intitolato “Lucy in the Sky with Diamonds”. che stava suonando alla radio al momento della sua esumazione. Lucy era il nome dato al dinosauro dalla squadra.

Lucy, un giovane Australopiteco di 3,2 milioni di anni, è stato scoperto nel 1974 in Etiopia, durante una missione internazionale che Yves Coppens co-dirigeva insieme all’americano Donald Johanson e al geologo francese Maurice Taieb. Yves Coppens è indissolubilmente legato a Lucy per il fatto che lui è stato uno dei tre individui che l’hanno scoperta. Quest’ultimo individuo, scomparso nel luglio 2021, è stato colui che ha guidato la squadra nella direzione del fossile che alla fine sarebbe stato considerato la nonna dell’umanità – o la sua prozia, a seconda di come si sceglie di interpretare il ritrovamento . E Yves Coppens, che in Francia aveva colto la maggior parte della luce legata a questa scoperta, non ha nascosto l’obbligo che aveva nei confronti del suo coetaneo, trascurato dai media. Yves Coppens è stato colui che ha fatto la scoperta.

“Con la scomparsa di Maurice Taieb e Yves Coppens, è iniziato un nuovo capitolo della nostra storia”, ha affermato lo storico. Brigitte Senut, paleoantropologa del Museo Nazionale di Storia Naturale, esprime il suo rammarico per il fatto che il suo mentore “abbia stabilito un legame con i pionieri della paleontologia africana come Camille Arambourg o Louis Leakey”.

Mort yves coppens
Mort yves coppens

“Yves Coppens era una persona elegante nella vita e nella ricerca”, osserva il co-scopritore di Orrorin tugenensis, un fossile di ominide che risale a oltre 6 milioni di anni fa e che è stato trovato in Kenya nel 2000. “Yves Coppens era una persona elegante in vita e nella scienza». Era uno di quei rari “capi”, secondo lei, che non imponeva mai le sue opinioni ai suoi allievi o collaboratori; infatti, aveva co-diretto e curato le sue tesi. Spiega: “È stato anche il primo divulgatore della nostra disciplina, per la quale ha ottenuto molto”. “E’ stato anche il primo divulgatore della nostra disciplina”. Non ci sarà nessuno a prendere la sua posizione.